BANCO BUILDING

BANCO BUILDING
Vai alla storia
[di Daniele Barbieri]
Banco Building- il Banco delle Cose. La storia del Banco che non c’era: il materiale edile non deperibile del quale le aziende hanno eccedenza non viene più distrutto, ma recuperato e donato in via gratuita Onlus e Opere di Carità.

Sinossi

L’avventura di Banco Building Onlus è iniziata nella primavera del 2009 a seguito di una richiesta di un’opera educativa e missionaria.
L’idea è nata dall’incontro con un imprenditore del settore edile che, quando vi era qualche necessità, contribuiva – quando poteva – donando all’opera di carità i prodotti della sua azienda anziché denaro.
Da qui il progetto di rendere stabile e non episodica anche per le aziende di beni durevoli – come già avviene per quelle alimentari e farmaceutiche – la possibilità di donare eccedenze produttive, invenduti, 2^ o 3^ scelte, code di produzione, campionari, ecc.
In sostanza è stato creato un soggetto terzo che si fa carico – da un lato – della ricerca di aziende donanti e – dall’altro – raccoglie in un data base le richieste di materiali da parte delle opere di carità.
Il metodo è quello già sperimentato e attuato da Banco Alimentare, Banco Farmaceutico e BITeB ( Banco Informatico, Tecnologico e Biomedico), con i quali Banco Building fa rete e condivide l’impegno a costruire una “smart city” che non si limiti a ridurre lo spreco materiale ma che attraverso questa azione contribuisca alla promozione sociale.
L’operatività di Banco Building è gratuita e trasparente: chi dona, dona gratis e deve sapere a chi dona. Non deve esserci il dubbio italico: “Chissà che fine ha fatto la mia roba!” Infatti il nostro metodo garantisce la tracciabilità permanente e continua sulla destinazione e uso dei beni donati.

6 Luglio 2018 / by / in
Comments

I commenti sono chiusi.