MaterialScan Via Alfonso Valerio, 6a, 34127 Trieste TS, Italia

MATERIE PRIME SECONDE
ISOLANTE REALIZZATO CON POLVERI DA RICICLO E ADDITIVI NATURALI

MaterialScan è stata fondata nel 2015 come spin-off dell’Università di Trieste ed è supportata nell’ambito di TechnoSeed (incubatore d’impresa di Friuli Innovazione). L’azienda opera nel campo della ricerca e sviluppo di nuovi materiali e offre consulenze tecniche a clienti italiani e stranieri sulla selezione e caratterizzazione dei materiali, sullo sviluppo di prodotti e sulla failure analysis. La soluzione che MaterialScan propone consiste nell’introduzione di un modello economico circolare, capace di trasformare rifiuti difficilmente riciclabili in un nuovo materiale isolante eco-sostenibile a elevata efficienza. Tale soluzione ridurrà la quantità di materiali destinata a discarica, i costi ambientali e di smaltimento e introdurrà sul mercato un prodotto altamente prestazionale ed allo stesso tempo elegante. Il metodo di produzione (patent pending) prevede una miscelazione delle polveri da riciclo con additivi di origine naturale a cui segue un congelamento e l’estrazione dell’acqua. L’azienda ha già ottenuto buoni risultati utilizzando vetroresina, fibre di carbonio, mattoni e poliuretano e sta lavorando per sviluppare un processo che permetta di riciclare altri materiali come il cartongesso.

Paese : Italia
Categoria : Materia Prima Seconda
Città : Trieste
Attività : Modello produttivo circolare
Target : B2B
Numero dipendenti : 50-249
Anno avvio attività : 2015
Anno riconversione : 2016

L’azienda è impegnata per applicare la propria tecnologia direttamente all’interno del ciclo produttivo dei propri clienti (strategia a “zero rifiuti”) allo scopo di riutilizzare gli scarti dove vengono prodotti. Il processo produttivo sviluppato non impiega gas nocivi, non è caratterizzato da emissioni dannose per l’ambiente e l’acqua utilizzata può essere raccolta e reimpiegata.

L’azienda è fortemente orientata alle attività di ricerca e sviluppo e basa i progetti nei quali è coinvolta con altri partner industriali per valutare soprattutto l’incidenza dei prodotti sull’ambiente. Particolare attenzione è quindi posta nell’applicazione delle tecniche LCA per la determinazione dell’impronta carbonica dei prodotti.