Acquaviva 15, Via Chiari, 25039 Travagliato BS, Italia

DISTRIBUZIONE DI ACQUA
ECOBOCCIONI IN PET, RICICLATI AL TERMINE DELLA VITA DI UTILIZZO

Acquaviva ha 25 anni di storia, oggi gestisce più di 25.000 clienti, disseta circa 500.000 persone ogni giorno. Grazie alle 10 filiali dirette è vicina ai clienti su tutto il territorio nazionale. Professionalità, passione e soddisfazione del cliente sono alla base della filosofia aziendale.
Acquaviva è produttore e imbottigliatore di boccioni d’acqua di sorgente da 18 litri in PET monouso, è l’unica con filiera breve garantita: l’acqua arriva dalla sorgente alle filiali in massimo 10 giorni dall’imbottigliamento. Gli impianti si trovano al nord ai piedi delle Dolomiti e al sud in Molise. L’acqua microbiologicamente pura, con un basso residuo fisso e poco sodio, è adatta a tutte le età e tutti i tipi di dieta. Acquaviva è attenta anche alla sostenibilità ambientale: con Ripet il 100% della plastica viene riciclata direttamente dall’azienda, il servizio infatti comprende le procedure di ritiro, stoccaggio, separazione, pulizia, triturazione e riciclo al termine della vita di utilizzo. Il refrigeratore a rete idrica aumenta il confort ed elimina subito le bottiglie. L’acqua è sempre a disponibile con risparmio di tempo e spazio. Grazie al sistema di microfiltrazione installato nel refrigeratore vengono eliminati i fattori di contaminazione e l’acqua mantiene la sua potabilità.

Paese : Italia
Categoria : Alimentare
Regione : Lombardia
Città : Travagliato
Tipo di realtà : Profit
Attività : Servizio circolare
Target : B2C, B2B
Numero dipendenti : 15-49
Anno avvio attività : 2016
Anno riconversione : 2016

Acquaviva è attenta a minimizzare l’impatto ambientale legato alla propria attività. L’acqua viene imbottigliata in ecoboccioni monouso in PET, riciclabili al 100%. L’azienda utilizza esclusivamente mezzi di consegna a metano e controllati da un sistema GPS che permette di calcolare i tempi di lavoro e di tragitto per consumare meno carburante e ridurre al minimo le emissioni inquinanti. Il servizio di invio fatture è digitalizzato per eliminare lo spreco di carta. Acquaviva utilizza fonti rinnovabili, con solare/fotovoltaico.  Acquaviva ha in uso anche un’auto aziendale per gli spostamenti di lavoro completamente elettrica.

Dopo l’utilizzo, gli ecoboccioni vengono ritirati e avviati a un processo di triturazione dal quale si ottiene un granulato di plastica riciclata venduto a terzi che la reimmettono in nuovi processi produttivi. Per esempio nella produzione di setole per le scope.

Acquaviva ha una particolare attenzione al sociale, nell’arco degli anni sono stati donati a una scuola computer dismessi dall’azienda e rigenerati. Incentiva i clienti alla sensibilizzazione, devolvendo 1€ per ogni ordine online. Hanno donato erogatori e boccioni a vari oratori ed eventi benefici. I boccioni vuoti vengono regalati ad associazioni che utilizzano i contenitori per la raccolta tappi nelle scuole. È stato inoltre attivato un progetto, della durata di un anno, nel quale Acquaviva ha offerto lavoro ai detenuti di un carcere locale, permettendo loro un impegno giornaliero senza spostarsi dalla postazione di reclusione. All’interno del personale sono in attivo due persone della “categoria protetta”, perfettamente integrate.