Azienda Agricola Raimo Carmine Località Cerro, 84070 Capaccio Paestum SA, Italia

VENDITA ORTOFRUTTICOLA
RECUPERO DEI RESIDUI DI PRODUZIONE

L’Azienda Agricola Raimo Carmine nasce nel 1990 come azienda agricola per la coltivazione e la vendita di ortaggi e ortofrutta, da circa 15 anni si dedica anche alla trasformazione in proprio di ortaggi producendo barattoli sottolio e sottaceto in particolare di carciofini, che oggi sono il fiore all’occhiello della ditta, melanzane, peperoni. E poi peperoncini,  finocchi, pomodoro ciliegino, pomodoro pelato, pomodori secchi, salse e sughi, e tante altre specialità. 

L’azienda si posiziona in una fascia di mercato medio alta grazie a una produzione rimasta a carattere familiare e artigianale: ogni singolo barattolo viene confezionato a mano.

Paese : Italia
Regione : Campania
Città : Capaccio
Tipo di realtà : Profit
Attività : Modello produttivo circolare
Target : B2B
Numero dipendenti : 0-14
Anno avvio attività : 1990
Anno riconversione : 2016

La ditta ha deciso negli ultimi anni di puntare al risparmio delle risorse e al recupero/riutilizzo dei propri scarti, in particolare i sottoprodotti di lavorazione, che non sono visti più come rifiuto da smaltire ma come ulteriore risorsa da valorizzare.

Il percorso è iniziato con il recupero degli scarti dei carciofi, utilizzati per la formulazione di prodotti cosmetici della linea “Artichoke” – sapone, crema viso e crema corpo – e grazie alla collaborazione con altre realtà industriali facente sempre parte del territorio.

Al fine di recuperare anche gli altri residui di produzione dell’azienda, sono in corso studi e caratterizzazioni chimiche con la collaborazione di diverse Università, laboratori di analisi chimiche e microbiologiche e laboratori di ricerca cosmetica, nonché di figure professionali specifiche. Un modus operandi che amplia la circolarità a un’intera filiera e rende questo modello economico motivo di aggregazione nel territorio.

Per l’Azienda Agricola Raimo Carmine l’ambiente è un punto di partenza e di arrivo. La responsabilità nei confronti dell’ambiente costituisce parte integrante della mansioni aziendali, e quindi un elemento significativo di giudizio delle prestazioni del singolo dipendente e della qualità di quelle rese da terzi.

Partendo dal presupposto che la conservazione dell’ambiente è essenziale per la qualità della vita e per lo sviluppo sostenibile, la ditta agisce:

  • diffondendo all’interno dell’azienda la cultura del rispetto e della prevenzione dell’inquinamento ambientale;

  • sensibilizzando, coinvolgendo e motivando i propri lavoratori e fornitori al rispetto dell’ambiente e del territorio in cui operano;
  • operando mediante un Sistema di Gestione Ambientale allo scopo di tenere sotto controllo tutte le variabili coinvolte;

  • adottando obiettivi, programmi di azione e strumenti di controllo capaci di coinvolgere l’intero settore;

  • considerando le migliori tecnologie disponibili e verificandone costantemente l’affidabilità al fine del rispetto dell’ambiente;

  • assicurare che leggi, regolamenti prescrizioni legali e altre ed eventuali sottoscritte dalla azienda siano applicabili/rispettati;

  • minimizzando i residui industriali, gestendoli in maniera idonea, attraverso anche il riciclaggio/riutilizzo.

  • promuovendo la riduzione dei consumi, l’uso efficiente delle risorse;

  • promuovendo la bassa rumorosità degli impianti;

  • usando procedure operative per la corretta gestione dell’attività e mettendo in atto un sistema di controlli per garantirne il mantenimento nel tempo;

  • formando il personale per il raggiungimento dei più elevati livelli di professionalità.