Lessmore Corso Giacomo Matteotti, 45, 21100 Varese VA, Italia

SETTORE ECODESIGN
COMMERCIALIZZAZIONE DI ARREDI E COMPLEMENTI

Lessmore, brand italiano di ecodesign, produce e commercializza la “Ecodesign Collection”, un’intera collezione di arredi e complementi studiati secondo i criteri dell’economia circolare. Una filosofia che si traduce in azioni concrete. Tutti gli arredi e i complementi della linea sono disegnati dall’architetto Giorgio Caporaso e sono ispirati al design modulare e componibile. 

Si usano diversi materiali, primo fra tutti il cartone al cento per cento riciclabile, ma anche il legno e il metacrilato, che vengono combinati tra loro per dare vita a prodotti resistenti e molto duraturi. I materiali impiegati sono spesso già riciclati, o certificati FSC, come nel caso del legno. La natura del progetto è profondamente ecosostenibile. La maggior parte degli elementi usati sono combinati tra loro a incastro oppure avvitati o incollati per produrre monomateriale. Questo rende più facile eseguire la manutenzione e riparazione nel tempo, per allungare il loro ciclo di vita in maniera considerevole e far fronte al concetto di obsolescenza pianificata di breve periodo.

Lessmore è un’azienda veramente innovativa. Ha ideato un concetto dove vengono sostituite solo le finiture e i colori dei prodotti, senza sostituire il prodotto intero, ma solo la “pelle” esterna. In tal modo i materiali possono essere successivamente scomposti, disassemblati e riciclati per poi essere reinseriti in un ciclo produttivo diverso. 

 

Paese : Italia
Categoria : Arredamento
Regione : Lombardia
Città : Varese
Tipo di realtà : Profit
Attività : Prodotto circolare
Target : B2C, B2B
Anno avvio attività : 2008
Anno riconversione : 2015

L’intera collezione di arredi e complementi è stata studiata secondo alcuni dei criteri principali dell’economia circolare, in particolare il rispetto dei seguenti parametri:

  • studio di elementi semifiniti in modo da limitare gli ingombri e le dimensioni di movimentazione, per poi esser facilmente assemblati per realizzare il prodotto finito;
  • utilizzo di materiali riciclati e/o riciclabili e/o certificati;
  • modularità per adattarsi a diverse situazioni;
  • componibilità, per essere smontabili e ricomponibili per adattarsi a eventuali movimentazioni semplificate o alle mutazioni e trasformazioni così da allungarne il ciclo di utilizzo e di vita del prodotto;
  • personalizzazione, per soddisfare anche le eventuali esigenze particolari della clientela, in un periodo in cui sta nascendo sempre di più l’esigenza di alcune richieste di personalizzazione;
  • trasformabilità, per trasformarsi e adattarsi alle mutazioni e trasformazioni e allungarne il ciclo di utilizzo;
  • multifunzionalità, in modo da poter usare meno prodotti per l’utilizzo in eventuali più funzioni;
  • riparabilità, in modo da poter riparare le parti che eventualmente si danneggiano o si usurano maggiormente e poter sostituire e riparare solo quella parte;
  • possibilità di sostituirne le finiture e i colori, contro l’obsolescenza “semantica” e allungarne l’eventuale perido di accettazione e di vita del prodotto;
  • disassemblabilità, per separare i vari materiali tra di loro;
  • riciclo.

Il brand Lessmore ha ricevuto numerosi premi, anche di livello internazionale. Inoltre ha svolto e svolge azioni di sponsorizzazione, verso alcune realtà ed associazioni che promuovono il rispetto ambientale. È stata invitata numerose volte a partecipare a conferenze, tavole rotonde e confronti su temi ambientali e dell’ecodesign. 

I suoi prodotti ed il suo percorso progettuale è stato esposto in numerose occasioni sia in Italia che all’estero anche in sedi molto prestigiose, e compaiono sui riviste e giornali italiani e internazionali.