ScartOff Via Rizzitelli, 60 Barletta

ECOBOTTEGA DEL RIUSO CREATIVO DI MATERIALI DI SCARTO
ARTIGIANATO E FORMAZIONE PER LA RIDUZIONE E RIUSO DEGLI SCARTI

Designers, makers e creativi hanno unito le loro esperienze e valori nel progetto dell’Associazione ScartOff che nasce nel 2013 come una eco bottega di artigianato e riuso creativo dei materiali di scarto. La passione per l’artigianato si unisce al rispetto per l’ambiente, puntando alla riduzione dello scarto grazie alle partnership con le aziende. ScartOff è anche formazione e informazione attraverso attività didattiche nelle scuole e nelle strade, con seminari, laboratori e incontri esperienziali, in cui il sapere e il saper fare si incontrano, dando vita a esperienze di ricreazione ed educazione ambientale.

Paese : Italia
Regione : Puglia
Città : Barletta
Tipo di realtà : Non profit
Attività : Modello produttivo circolare
Target : B2C, B2B
Numero dipendenti : 0-14
Anno avvio attività : 2013
Anno riconversione : 2013

Il recupero dei sottoprodotti e di oggetti in disuso identificano Scartoff come un chiaro modello di upcycling e risponde alla Regola delle 3R: Riduzione, Riutilizzo e Riuso. La priorità è la riduzione dei rifiuti. Il riutilizzo porta all’estensione del ciclo di vita del bene, mentre il riuso fa parte della progettazione eco sostenibile che minimizza le risorse riutilizzando i materiali recuperati nonché l’impatto ambientale e la riduzione di scarti destinasti al macero.

Tra le attività di Scartoff: rinnovo e progettazione in chiave innovativa e sostenibile di locali commerciali, recupero di arredo e trasformazione capi di abbigliamento, allestimento eventi ecosostenibili (per esempio matrimoni), riuso creativo di materiali di scarto.

Le aziende partner conferiscono a ScartOff i sottoprodotti selezionati, ovvero quegli scarti di produzione che possono essere gestiti come beni e non come rifiuti, che soddisfano tutte le condizioni previste dalla legge (art. 184-bis del D.L.vo 152/2006), mediante contratto di “cessione del bene”, al fine di ridurre la quantità di rifiuto industriale. Per i cittadini, invece, è attiva la card “eco punti” con la quale ognuno è invitato a donare un oggetto in disuso ma riutilizzabile del quale intende disfarsi, ottenendo sconti e vantaggi sugli acquisti in bottega.

Finalità dell’associazione è quella di diffondere la cultura della sostenibilità, dell’etica e della tutela dell’ambiente attraverso attività didattiche, formative ed educative in materia ambientale, nonché della valorizzazione del patrimonio culturale e artistico. L’associazione persegue l’obiettivo della diffusione della cultura, dal punto di vista artistico e ambientale, dei principi di accoglienza, di tolleranza, di sostenibilità e solidarietà, attraverso azioni di promozione sociale, di ricerca, di formazione, di comunicazione e di intrattenimento.

L’Associazione ScartOff si propone di raggiungere il proprio scopo/finalità attraverso una serie di iniziative:

  • attività di riuso e riciclo dei materiali per prevenzione allo spreco, attraverso forme di artigianato;
  • percorsi informativi e formativi come strumenti principali di educazione ambientale;
  • promozione e divulgazione di attività manuali come occasione socializzante e la condivisione dei saperi;
  • promozione della valorizzazione di metodi produttivi non massificati e attenti all’impatto ambientale;
  • promozione della divulgazione della cultura del riuso, dell’auto-produzione, del riciclo, del recupero;
  • promozione di reti di condivisione tra realtà analoghe sul territorio nazionale ed estero.

L’Associazione, al fine di realizzare i suoi scopi incentiva e valorizza le diverse attività proposte dai Soci, coerenti con la filosofia dell’Associazione, sia offline sia online, attraverso l’uso condiviso e temporaneo di spazi e strumenti. Assiste inoltre i soci nell’ampliamento e nel potenziamento delle proprie competenze e capacità tecniche e promuove percorsi didattici per la conoscenza e la valorizzazione della natura e dell’ambiente attraverso le collaborazioni con gli istituti scolastici, le cooperative e gli altri enti pubblici e privati. Ha attivato relazioni con le botteghe artigiane e con gli atelier creativi mettendo a sistema le competenze ivi ospitate attraverso workshop, corsi, storytelling. A livello locale, avvia collaborazioni con iniziative attive in ambiti coerenti con gli scopi associativi.